Cos'è il solstizio d'estate e come si festeggia?

 Cos'è il solstizio d'estate e come si festeggia?

Sai cos'è il solstizio d'estate? Sai in quale giorno il Sole raggiunge il suo punto più alto? Sai quando si verificano la notte più corta e il giorno più lungo dell'anno? 

Succede tutto nello stesso giorno: il solstizio d'estate, nell'emisfero nord, ha luogo il giorno in cui il Sole raggiunge il suo punto più alto intorno al 21 giugno, che è il giorno con le ore solari più lunghe e il contrario per la notte.

È sicuramente un giorno diverso dagli altri, poiché fin dai tempi antichi l'uomo, la natura e le stelle si preparano a celebrare una festa. 

È una notte circondata da magia, riti e tradizioni che la rendono speciale e inaugurano l'estate. In questo articolo  cercheremo di spiegare cos'è il solstizio d'estate e come si festeggia.


Cos'è un solstizio?

Il termine solstizio, deriva dal latino e significa "il sole si ferma" ed è che durante i solstizi, il sole sembra fermare la sua attività e rimanere fermo. Nel giorno dell'equinozio il Sole raggiunge il suo punto più alto rispetto all'Equatore, i raggi solari cadono perpendicolarmente sul Tropico del Cancro.

Cos'è il solstizio d'estate e come si festeggia?


Quando si ha il solstizio d'estate?

Ogni anno abbiamo due solstizi: il solstizio d'estate il 20 o 21 giugno e il solstizio d'inverno il 21 o 22 dicembre di ogni anno. Al solstizio d'estate nell'emisfero boreale il Sole raggiunge lo zenit a mezzogiorno sul Tropico del Cancro, mentre al solstizio d'inverno raggiunge lo zenit a mezzogiorno sul Tropico del Capricorno.

Cosa simboleggia la celebrazione del solstizio d'estate?


La celebrazione del solstizio d'estate è antica quanto l'umanità stessa, un giorno carico di potere e di magia. Secondo le antiche credenze pagane, le fate e le divinità della natura vagano per i campi. Tradizionalmente, i contadini ringraziavano per l'estate, i raccolti, i frutti e per avere più ore per fare le loro faccende e divertirsi. È anche il momento giusto per pregare per la fertilità della terra e degli uomini stessi.
I falò e i riti del fuoco venivano avviati alla vigilia della mezza estate per simboleggiare il potere del Dio Padre Sole e per aiutarlo a rinnovare la sua energia. Erano anche rituali per purificarsi e assicurare la rinascita del Sole.



Come si festeggia il solstizio d'estate

$ads={1}

Al giorno d'oggi, in molti casi le celebrazioni del solstizio sono combinate con quelle della vigilia di San Giovanni il 23 giugno (il 24 è il giorno che la Chiesa cattolica ha scelto per celebrare la nascita di San Giovanni Battista, in modo simile a come ha scelto il 25 dicembre per la nascita di Gesù, vicino al solstizio d'inverno, anche se queste feste sono precedenti alla nascita del cristianesimo).
In questo modo, possiamo evidenziare i famosi falò della Festa di San Giovanni, che si svolgono in Spagna e in altri paesi dell'emisfero nord. 

Durante questa notte, la gente si riunisce intorno al fuoco, danzandovi intorno o saltando sul falò. È anche un giorno di feste e celebrazioni nelle strade di molte località, per esempio in Catalogna o nelle isole Baleari è una celebrazione molto tradizionale, così come nella città portoghese di Oporto.

A cura di Notiziepress


Posta un commento

Nuova Vecchia