Un Nuovo Studio Fa Luce Sull'origine Della Vita Sulla Terra

Un Nuovo Studio Fa Luce  Sull'origine Della Vita Sulla Terra 

Un team di Scienziati hanno scoperto delle strutture proteiche che potrebbero essere responsabili dell'origine della vita sulla Terra

I ricercatori hanno esplorato come la vita primaria possa aver avuto origine sul nostro pianeta da materiali semplici e non viventi. Si sono chiesti quali proprietà definiscono la vita come la conosciamo e hanno concluso che qualsiasi forma di vita avrebbe avuto bisogno dell' energia, da fonti come il sole o le sorgenti idrotermali.

 $ads={1}

In termini molecolari, ciò significherebbe che la capacità di mescolare gli elettroni è stata fondamentale per la vita. Poiché i migliori elementi per il trasferimento di elettroni sono i metalli (si pensi ai fili elettrici standard) e la maggior parte delle attività biologiche sono svolte da proteine, i ricercatori hanno deciso di esplorare la combinazione delle due cose, cioè le proteine che legano i metalli.

origine vita sulla terra



Sono state confrontate tutte le strutture proteiche esistenti che legano i metalli per stabilire eventuali caratteristiche comuni, basandosi sulla premessa che queste caratteristiche condivise erano presenti nelle proteine ancestrali e sono state diversificate e tramandate per creare la gamma di proteine che osserviamo oggi.

L'evoluzione delle strutture proteiche comporta la comprensione di come nuove pieghe sono sorte da quelle precedentemente esistenti, così i ricercatori hanno progettato un metodo computazionale che ha trovato la stragrande maggioranza delle proteine leganti il metallo attualmente esistenti sono in qualche modo simili, indipendentemente dal tipo di metallo che si legano, l'organismo che provengono o la funzionalità assegnata alla proteina nel suo complesso.

"Abbiamo visto che i nuclei di metallo-binding delle proteine esistenti sono effettivamente simili anche se le proteine stesse non possono essere"

  $ads={2}

 ha detto l'autore principale dello studio Yana Bromberg, un professore nel dipartimento di biochimica e microbiologia presso la Rutgers University-New Brunswick.

 "Abbiamo anche visto che questi nuclei di legami metallici



sono spesso costituiti da sottostrutture ripetute, un po' come i blocchi LEGO. 

Curiosamente, questi blocchi sono stati trovati anche in altre regioni delle proteine, non solo i nuclei di legame al metallo, e in molte altre proteine che non sono state considerate nel nostro studio.

FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia