Gli allevamenti ittici di fronte al cambiamento climatico globale

 Gli allevamenti ittici di fronte al cambiamento climatico globale

La maricoltura (allevamento di specie marine) è spesso vista come una panacea per i problemi di esaurimento degli stock selvatici di pesce e altri animali marini adatti al consumo alimentare, un problema che deriva in parte dalla crescente domanda umana di frutti di mare, una domanda che si prevede crescerà sostanzialmente nei prossimi anni.

Tuttavia, i risultati di un recente studio del team di Muhammed Oyinlola dell'Università della British Columbia in Canada indicano che il settore della maricoltura è vulnerabile agli effetti del cambiamento climatico come qualsiasi altro.

$ads={1}

Se continuiamo a bruciare combustibili fossili al ritmo attuale e continuiamo a inquinare l'atmosfera con le emissioni della combustione dei combustibili fossili, la produzione sostenibile di pesce negli allevamenti aumenterà solo dell'8% entro il 2050, e diminuirà del 16% entro il 2090.


In uno scenario in cui le misure di mitigazione del cambiamento climatico sono adottate e di conseguenza a basse emissioni, la maricoltura crescerà di circa il 17% entro la metà del 21° secolo e di circa il 33% entro la fine del secolo, rispetto alla situazione degli anni 2000.
maricoltura


$ads={2}

Molti fattori sono stati presi in considerazione per il nuovo studio, come il cambiamento delle temperature dell'oceano o le aree di maricoltura adatte in futuro.
Gli autori dello studio hanno esaminato circa il 70% della produzione globale di maricoltura nel 2015, concentrandosi sulle aree dove si svolge la maggior parte dell'allevamento di frutti di mare del mondo.

 

Il cambiamento climatico influenzerà la produttività della maricoltura in modo diverso a seconda del luogo del mondo in cui si trovano gli allevamenti e del tipo di prodotto che producono. Le regioni più colpite nello scenario ad alte emissioni (Norvegia, Myanmar, Bangladesh, Paesi Bassi e Cina) potrebbero vedere la loro produttività di maricoltura ridotta del 40-90%.

A cura di Notiziepress

FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia