Rilevato Ossigeno nell'atmosfera di un pianeta in un altro sistema solare

Ossigeno nell'atmosfera di un pianeta in un altro sistema solare

Da quando i primi esopianeti (pianeti al di fuori del nostro sistema solare) sono stati scoperti negli anni '90, la lista di questi pianeti è cresciuta costantemente e ora sono più di quattromila. Nel corso dei decenni, team scientifici di tutto il mondo hanno cercato di caratterizzare le loro atmosfere e spiegare perché questi nuovi mondi sono così diversi dai pianeti del sistema solare.

 Il rilevamento è stato reso possibile da un modello di computer sviluppato dal team scientifico, il modello più avanzato per studiare le atmosfere di esopianeti caldi sviluppato fino ad oggi. Il modello non solo concordava con le precedenti osservazioni di altri composti nell'atmosfera di KELT-9b, ma prevedeva anche che i dati avrebbero dovuto mostrare la presenza di atomi di ossigeno.


Così il team ha ri-analizzato le precedenti osservazioni del pianeta ottenute con il telescopio da 3,5 metri dell'Osservatorio di Calar Alto (CAHA, Almeria, Spagna), e i loro risultati hanno confermato la previsione del modello: i segnali di ossigeno erano sempre presenti, ma non erano stati rilevati dalle analisi precedenti.

"L'accordo tra il modello e le osservazioni è una pietra miliare nella nostra esplorazione dei pianeti fuori dal sistema solare. Mostra che ora possiamo creare modelli realistici di esopianeti e migliorare significativamente la nostra capacità di capire le atmosfere di quelli più caldi. Anche se simili osservazioni delle atmosfere di pianeti più piccoli e più freddi non sono ancora possibili, un giorno lo saranno. 

$ads={1}

Vediamo questo lavoro come una prova generale per il lavoro futuro alla ricerca di ossigeno nelle atmosfere di diversi pianeti nella galassia, compresi i mondi più piccoli e possibilmente abitabili", conclude Denis Shulyak, un ricercatore dell'Instituto de Astrofísica de Andalucía (IAA) che ha partecipato alla scoperta.



ossigeno esopianeta


Ora, un team che coinvolge l'Instituto de Astrofísica de Andalucía (IAA) del CSIC in Spagna ha presentato pubblicamente la scoperta di atomi di ossigeno sull'esopianeta KELT-9b. Questo è il primo rilevamento di questo elemento chimico in un'atmosfera di un esopianeta.
 
Con una temperatura diurna di oltre 4 000 gradi Celsius, superiore alla temperatura superficiale di alcune stelle, l'esopianeta KELT-9b, scoperto nel 2017, è l'esopianeta più caldo finora conosciuto. È un gigante gassoso simile a Giove, tranne che la temperatura della sua atmosfera è abbastanza alta da fondere il ferro. Queste temperature estreme sono dovute al fatto che ruota molto vicino alla sua stella ospite, così vicino che completa un'orbita in sole 36 ore circa. 

Dalla sua scoperta, gli scienziati hanno cercato di capire la natura di un oggetto così caldo e particolare, così come il motivo per cui non si disintegra così vicino alla sua stella.

$ads={2}

 
Per studiare le atmosfere di questi pianeti, si usa il metodo dei transiti, piccole eclissi prodotte quando il pianeta passa davanti alla sua stella. Durante il transito, la luce della stella ospite passa attraverso l'atmosfera del pianeta, permettendo di studiare le caratteristiche fisiche e la composizione dell'atmosfera.
 
"Il nostro team ha rilevato tracce di ossigeno atomico nello spettro del pianeta. Poiché KELT-9b è un pianeta gigante gassoso molto caldo, questo rilevamento non è un'indicazione della presenza di vita, ma è il primo rilevamento definitivo di atomi di ossigeno nell'atmosfera di un esopianeta", dice Francesco Borsa, un ricercatore dell'Osservatorio Astronomico di Brera (INAF) in Italia, che guida lo studio.

A cura di Notiziepress


FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia