Osservato per la prima volta un pianeta morto in collisione con una nana bianca

 Prima osservazione di un pianeta morto in collisione con una nana bianca

"Abbiamo finalmente visto del materiale entrare effettivamente nell'atmosfera della stella": gli astronomi ottengono la prima prova diretta di una stella che consuma i resti di un pianeta morto.  

Un team di astronomi ha catturato per la prima volta il momento in cui i detriti di pianeti distrutti si scontrano con la superficie della nana bianca nella quale orbitava. I risultati sono stati pubblicati  sulla rivista Nature.

Questa è la prima misura diretta dell'accumulo di materiale roccioso di una nana bianca e la conferma di diversi decenni di prove indirette trovate finora su più di mille stelle. 

 $ads={1}

Al termine della loro vita, la maggior parte delle stelle - comprese quelle come il nostro Sole - si trasformano in una nana bianca. Ne sono stati scoperti più di 300.000 nella nostra galassia, e si pensa che molti accumulino i detriti dei pianeti e degli altri oggetti che una volta orbitavano intorno ad essi.

pianeta morto in collisione con una nana bianca


Si stima che il 25-50% di queste stelle abbia elementi pesanti come ferro, calcio o magnesio che inquinano la loro atmosfera.

Per diversi decenni, gli astronomi hanno utilizzato la spettroscopia a lunghezze d'onda ottiche e ultraviolette per misurare l'abbondanza degli elementi sulla superficie della stella e calcolare la composizione dell'oggetto da cui provengono. 

Fino ad ora, però, gli astronomi non avevano mai visto il materiale mentre veniva attirato nella stella. "Abbiamo finalmente visto del materiale entrare effettivamente nell'atmosfera della stella", dice Tim Cunningham dell'Università di Warwick.

Una nana bianca è una stella che ha bruciato tutto il suo combustibile e si è liberata dei suoi strati esterni, il che potrebbe distruggere o disturbare qualsiasi corpo orbitante nel processo. 

 $ads={2}

Quando il materiale di tali corpi è attratto dalla stella, si scontra con essa e forma un plasma, che ha una temperatura compresa tra 100 000 e 1 000 000 di gradi Celsius, che rimane sulla superficie e quando si raffredda emette raggi X che possono essere rilevati. 

Osservatorio a raggi X Chandra

Per cercarli, gli astronomi hanno usato il Chandra X-ray Observatory, normalmente utilizzato per rilevare i raggi X dai buchi neri e dalle stelle di neutroni, per analizzare la vicina nana bianca G29-38.

Grazie alla risoluzione angolare di Chandra, sono stati in grado di isolare la stella bersaglio da altre fonti di raggi X e osservare, per la prima volta, i raggi X di una nana bianca isolata. 

L'evento osservato si è verificato miliardi di anni dopo la formazione del sistema planetario e conferma decenni di osservazioni di materiale accretato nelle nane bianche basate su prove spettroscopiche.

"Ciò che è veramente eccitante di questo risultato è che stiamo lavorando ad una lunghezza d'onda diversa, i raggi X, e questo ci permette di testare un tipo di fisica completamente diverso", ragiona Cunningham.

"Questo rilevamento fornisce la prima prova diretta che le nane bianche accolgono effettivamente i resti di vecchi sistemi planetari. 

Sondare l'accrescimento in questo modo fornisce una nuova tecnica con cui possiamo studiare questi sistemi, offrendo uno sguardo sul probabile destino delle migliaia di sistemi esoplanetari conosciuti, compreso il nostro sistema solare", conclude. 

 

FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia