L'esopianeta che estrae il ferro si scontra con un elemento atmosferico ancora più pesante

L'esopianeta che estrae il ferro si scontra con un elemento atmosferico ancora più pesante

Ricercatori di diversi Paesi hanno individuato il bario, l'elemento più pesante mai trovato, nell'atmosfera di due esopianeti in orbita attorno a stelle esterne al Sistema Solare, una scoperta inaspettata che ha sorpreso gli stessi scienziati.

Gli astronomi hanno utilizzato il Very Large Telescope (VLT) dell'European Southern Observatory (ESO) nel deserto di Atacama in Cile per effettuare la scoperta e hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Astronomy and Astrophisics.

Il bario è stato rilevato ad alta quota nelle atmosfere di due pianeti giganti gassosi (WASP-76 b e WASP-121 b), che non sono esopianeti ordinari e sono noti come Giove "ultra-caldo", in quanto hanno dimensini paragonabili a questo pianeta e temperature superficiali estremamente elevate, superiori a 1000 gradi Celsius.

L'esopianeta che estrae il ferro si scontra con un elemento atmosferico ancora più pesante


Esopianeti con caratteristiche molto esotiche

Ciò è dovuto, ha riferito l'ESO dopo la pubblicazione di questo lavoro, alla loro vicinanza alle stelle ospiti, il che significa anche che un'orbita intorno a ciascuna stella dura solo uno o due giorni, e ciò conferisce a questi pianeti caratteristiche molto esotiche, e ad esempio su uno di essi - WASP-76 b - gli astronomi sospettano che a volte "piova ferro".

 $ads={1}

Ora gli scienziati sono stati sorpresi di trovare il bario, che è 2,5 volte più pesante del ferro, nell'atmosfera superiore di questi due pianeti, poiché, a causa dell'alta gravità di entrambi, elementi pesanti come il bario normalmente cadrebbero rapidamente negli strati inferiori dell'atmosfera.

Ancora più strano di quanto si pensasse 

Il fatto che il bario sia stato rilevato nell'atmosfera di questi due "Giovi ultra-caldi" suggerisce che questa categoria di pianeti potrebbe essere ancora più strana di quanto si pensasse, secondo i ricercatori, i quali hanno osservato che, sebbene il bario possa occasionalmente essere visto nei cieli sopra la Terra stessa - come il colore verde brillante dei fuochi d'artificio - la domanda, ancora senza risposta, è quale processo naturale potrebbe causare la presenza di questo elemento pesante ad altitudini così elevate su questi esopianeti.

Nello studio delle atmosfere degli esopianeti, gli esopianeti con queste caratteristiche sono estremamente utili perché, essendo gassosi ed estremamente caldi, le loro atmosfere sono molto grandi e quindi più facili da osservare e studiare rispetto a quelle di pianeti più piccoli o più freddi. 

 $ads={2}

Per determinare la composizione dell'atmosfera di un esopianeta sono necessarie apparecchiature molto specializzate; gli astronomi hanno utilizzato uno strumento del grande telescopio dell'ESO in Cile per analizzare la luce stellare filtrata attraverso le atmosfere di questi pianeti, consentendo di individuare chiaramente diversi elementi, tra cui il bario. 

La ricerca è stata guidata da ricercatori dell'Istituto di Astrofisica e Scienze Spaziali dell'Università di Porto (Portogallo) e ha coinvolto numerose università e centri di ricerca astronomica in Canada, Svizzera, Italia e Spagna, tra cui l'Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC) e il Centro de Astrobiología (CAB) - un centro congiunto del Consejo Superior de Investigaciones Científicas del Ministero della Scienza spagnolo e dell'Instituto Nacional de Técnica Aeroespacial del Ministero della Difesa spagnolo. 

FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia