Scoperto il buco nero più vicino alla Terra

Scoperto il buco nero più vicino alla Terra

Il buco nero, chiamato Gaia BH1, è 10 volte più massiccio del nostro sole e dista poco meno di 1600 anni luce dalla Terra. La sua stella compagna ha un'orbita simile a quella della Terra.

Dove si trova il buco nero più vicino alla Terra?


Un gruppo di astronomi ha scoperto un buco nero a soli 1.600 anni luce di distanza, il che lo rende il buco nero più vicino alla Terra, secondo quanto riportato nella rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society 

Quali sono le sue caratteristiche?

Gli scienziati sostengono che questo buco nero, 10 volte più massiccio del nostro sole, si trova tre volte più vicino al nostro pianeta rispetto al detentore del record. Questo sistema binario, chiamato Gaia BH1, è stato identificato osservando il moto della sua stella compagna, che orbita intorno al buco nero alla stessa distanza in cui la Terra orbita intorno al Sole.

Scoperto il buco nero più vicino alla Terra
 Scoperto il buco nero più vicino alla Terra


"Sebbene sia stato affermato che molti sistemi di questo tipo sono stati rilevati, quasi tutte queste scoperte sono state successivamente smentite", ha dichiarato l'autore principale dello studio, Kareem El-Badry dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics in Massachusetts.

"Si tratta del primo rilevamento inequivocabile di una stella simile al Sole in un'ampia orbita attorno a un buco nero di massa stellare nella nostra galassia", ha aggiunto.

 $ads={1}

L'importanza della stella compagna per la scoperta

Il buco nero è stato inizialmente individuato dalla sonda Gaia dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), che sta mappando con precisione le posizioni, le velocità e le traiettorie di circa 2 miliardi di stelle nella Via Lattea.

I buchi neri sono oggetti spaziali molto difficili da identificare, perché di solito hanno un campo di assorbimento gravitazionale così forte che nemmeno le particelle di luce possono sfuggire. Ecco perché la stella compagna di Gaia, BH1, era così importante.

Le osservazioni "hanno confermato oltre ogni ragionevole dubbio che la binaria contiene una stella normale e almeno un buco nero inattivo", ha sottolineato El-Badry. "Non siamo riusciti a trovare alcuno scenario astrofisico plausibile che possa spiegare l'orbita osservata del sistema che non coinvolga almeno un buco nero", ha aggiunto.

 $ads={2}

Le sue origini sono ancora sconosciute

Il team di studio non sa come la stella e il buco nero abbiano raggiunto le posizioni attuali. Per questo motivo, i ricercatori stanno ora cercando di capire come si sia formato questo sistema nella Via Lattea. Gaia BH1 si trova nella costellazione dell'Ofiuco.

La scoperta "solleva molte domande su come si sia formato questo sistema binario e su quanti buchi neri inattivi ci siano in giro", ha concluso l'esperto. 



Di Notiziepress


FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia